argentomare

Dal 2 al 17 Novembre, Teatro Frabboni di Savigno a Vasamoggia

Intervento site-specific di Rossana Misuraca e Lorenzo Petrone -in arte LO.RO

Nell’ambito di
Tartòfla – 36° Festival internazionale del Tartufo Bianco di Savigno 
Inaugurazione: sabato 2 novembre 2019, ore 17:00

 

 

“ ..cerco sempre di trovarmi vicino all’acqua, possibilmente davanti a un mare, o a un oceano per assistere all’affiorare di una nuova porzione, di un’altra tazza di tempo.
Non cerco una sirenetta nuda a cavallo di una conchiglia, voglio vedere una nuvola o la cresta di un’onda che lambisce la riva a mezzanotte.
Questo per me è tempo che esce dall’acqua”.

Iosif Brodskij, da Fondamenta degli Incurabili

 

 

Inaugura sabato 2 novembre alle 17 l’evento espositivo del 36° Festival Internazionale del tartufo bianco di Savigno, al Teatro Frabboni di Savigno aValsamoggia (BO), grazie alla collaborazione con Legati al Filo, festival di innovazione sociale e alla prestigiosa partnership con il Castello di Rivoli – Museo di Arte Contemporanea (TO).

Rossana Misuraca e Lorenzo Petrone -in arte LO.RO, realizzano installazioni filmiche e sonore partendo dall’investigazione del reale, nella materia e nei fenomeni, e dall’analisi e messa in discussione delle relazioni che essi sottendono.

L’esperienza, intesa come condizione conoscitiva del reale, è la prima forma di azione, di ascolto, di incontro con le cose del mondo. La meraviglia e lo stupore che ne derivano sono fatti di attenzione.

“Porre lo sguardo sui processi ecologici ricondiziona il nostro modo di porci in relazione con la natura” dichiarano gli artisti “l’acqua, la terra, la luce, il respiro del mare, i frammenti di materia, nel loro continuo scambio di energia, sono elementi di un mondo dove riprendere posto e coscienza. La nostra ricerca è tesa a riconoscere lo straordinario che si manifesta nel quotidiano, come quando socchiudendo gli occhi di fronte al mare, l’acqua si fa sostanza di luce. Desideriamo che le persone si prendano cura del proprio stupore”.

Attraverso l’elaborazione creativa in cui gli elementi naturali diventano spazio di superficie luminosa, i cosiddetti fondali assumono una nuova centralità. Nello spazio del teatro, dentro e fuori perdono i loro consueti confini.

Un’occasione dove mettersi in ascolto, per ritrovare quel filo che ci lega col mondo, e ci mette in risonanza con l’altro.

Rossana Misuraca, Torino, 1992. Studia architettura tra Torino e Barcellona, laureandosi al Politecnico di Torino nel 2017. Cresciuta a stretto contatto con l’arte contemporanea, ha intrapreso un percorso di studio e lavoro nell’ambito dei beni culturali. Tra le sue più recenti collaborazioni, l’assistenza alla curatela e allestimento di due mostre a Murazzano (CN) “Da Murazzano si vede il mare” personale sull’opera di Daniele Fissore e “Flora e Fauna”, mostra di Giorgio Badriotto e Bernadetta Ghigo.

Lorenzo Petrone, Firenze, 1989. Studia architettura a Firenze e Barcellona e si laurea con una tesi dal titolo “Indagine sullo spessore di un limite. L’area di San Salvi a Firenze”. Un lavoro sul concetto fisico e simbolico di limite, applicato all’architettura dei manicomi. Artista poliedrico, sperimenta in vari campi, tra musica, scrittura, arti visive, per descrivere quello spazio di incontro col sé e con gli altri.

Nell’estate del 2019 esordiscono con una mostra dal titolo “Terre Emerse. Il Mare a Pistoia” nelle Sale Affrescate del Palazzo Comunale della Provincia toscana. Un lavoro che indaga la relazione natura-uomo e le possibilità della percezione, la cui eco troveremo anche a Savigno, fino al 17 novembre.

In occasione dell’inaugurazione, sabato 2 novembre alle 17:00, il Dipartimento di Educazione del Castello di Rivoli presenterà la performance Oper-Azione Terzo Paradiso.

 

INFO:

Orari di apertura: sabato 14:00-19:00 / domenica 10:00-18:30
Ingresso gratuito

 

Teatro F. Frabboni, via Marconi 29, loc. Savigno, Valsamoggia (BO)

Contatti:
tel. 051 836442 / 051 830270 / 334 1329913

vai al sito del festival del tartufo

 

scopri legati al filo

 

vai al sito del castello di rivoli