Ha studiato violino presso il conservatorio di Bologna dove si è diplomata nel 1997, in seguito ha partecipato a diversi corsi di perfezionamento strumentale (Bettina Mussumeli, Giovanni Guglielmo) e di musica da camera (Franco e Bruno Mezzena), oltre a corsi di formazione orchestrale a Vicenza (Leon Spierer, spalla dei Berliner), a Spoleto e a Parma (Orchestra A. Toscanini).

Durante gli studi in conservatorio ha fatto parte della Piccola Orchestra da Camera di Bologna, con la quale ha suonato nella sua città e in altre italiane, oltre ad aver effettuato tournée in Francia, Lussemburgo e in Messico. Nel marzo del 2006 si è diplomata in violino barocco al conservatorio di Vicenza, dopo aver frequentato diverse master class (Lucy van Dael, Monica Huggett, Sigiswall Kujken).

Ha suonato e collabora con diverse orchestre sinfoniche dell’Emilia-Romagna (Orchestra Maderna e Orchestra Città di Ferrara) e del Veneto come l’Orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza e l’orchestra veronese dei Virtuosi Italiani, con la quale si è esibita al Senato italiano per il concerto natalizio nel dicembre 2008.

Oltre al repertorio lirico e sinfonico collabora in piccole formazioni musicali che sono interessate alla riscoperta della musica antica e che suonano con strumenti originali. In quest’ambito ha collaborato con l’Orchestra Barocca di Bologna, I musicali Affetti di Vicenza, L’Arte dell’Arco di Padova e altri gruppi italiani con i quali ha svolto concerti anche all’estero e ha inciso repertori inediti.

Dal 2007 è primo violino del Quartetto Pegaso che si esibisce in un repertorio leggero (colonne sonore, standard jazz e tanghi) ma nella più classica delle formazioni. Collabora con Marianne Gubri, arpista, e assieme hanno partecipato a diverse rassegne musicali in Emilia Romagna e in Toscana. Nel novembre del 2006 si è laureata al DAMS di Bologna e nel giugno 2009 ha conseguito l’abilitazione in didattica strumentale presso il conservatorio di Ferrara. Dal 2010 insegna violino nella Scuola Media ad Indirizzo Musicale di Vado e Monzuno.