Progetto Beethoven 250: il testamento musicale del genio di Bonn nell’esecuzione integrale delle 32 sonate per pianoforte

 

sabato 12 e domenica 13 dicembre 2020 • dalle ore 15:00

Rocca dei Bentivoglio
via Contessa Matilde 10, Valsamoggia Loc. Bazzano (BO)

 

32 pianisti in collaborazione con il Conservatorio G.B. Martini di Bologna

 

Musiche di Ludwig van Beethoven (1770-1827)

 

Introduzione a cura di Teresio Testa

Un evento unico che coinvolgerà numerosi pianisti del territorio e diversi studenti del Conservatorio di Bologna, partner del progetto. Un modo originale per accostarsi ad un monumento musicale fondamentale per ogni musicista e per ogni appassionato di musica. Le sonate verranno eseguite in ordine di catalogo dalla prima sonata op. 2 n1 in Fam all’ultima Sonata op. 111 in Dom scritta nel 1822.

Beethoven compose le sue 32 sonate per pianforte tra il 1795 e il 1822. Sebbene originariamente non destinate ad essere un insieme unico, sono considerate una delle più importanti collezioni di opere della storia della musica. Hans von Bulow le definì Il Nuovo Testamento della musica, essendo L’antico Testamento Il clavicembalo ben temperato di Johann Sebastian Bach.

Le prime sonate

Le prime sonate di Beethoven sono fortemente influenzate da quelle di Haydn e Mozart. Nonostante ciò, egli cominciò a trovare nuovi modi di comporre le sue sonate. Le sue prime quattro sonate hanno quattro movimenti lunghi, molto rari ai suoi tempi, e la Patetica è la prima ad avere due tempi in un movimento.

Opus 2: Tre sonate (1795)

Opus 7: Sonata n. 4 in Mi bemolle maggiore (“Gran Sonata”) (1797)

Opus 10: Tre sonate (1798)

Opus 13: Sonata n. 8 in Do minore (“Patetica”) (1798)

Opus 14: Due sonate (1799)

  • No. 1: Sonata n. 9 in Mi maggiore (arrangiate anche, dallo stesso Beethoven, per il Quartetto in Fa maggiore (H 34) nel 1801)
  • No. 2: Sonata n. 10 in Sol maggiore

Opus 22: Sonata n. 11 in Si bemolle maggiore (1800)

Opus 26: Sonata n. 12 in La bemolle maggiore (“Marcia funebre”) (1801)

Opus 27: Due sonate (1801)

  • No. 1: Sonata n. 13 in Mi bemolle maggiore ‘Sonata quasi una fantasia’
  • No. 2: Sonata n. 14 in Do diesis minore ‘Sonata quasi una fantasia’ (“Al chiaro di luna”)

Opus 28: Sonata n. 15 in Re maggiore (“Pastorale”) (1801)

 

Le sonate centrali

Dopo aver composto le sue prime 15 sonate (fino all’op. 28), Beethoven scrisse a Wenzel Krumpholz, “D’ora in poi, ho intenzione di prendere un nuovo percorso.” Le sonate di Beethoven di questo periodo sono molto diverse dalle precedenti. Iniziò ad abbandonare la forma sonata comune di Haydn e Mozart e la sostituì con modi più profondi di fare una sonata. La maggior parte delle sonate del periodo romantico sono state fortemente influenzate da quelle di Beethoven. Dopo il 1804, Beethoven smise di mettere più sonate in una sola opera e compose solo opus uniche. Non è chiaro il motivo per cui lo fece.

Opus 31: Tre sonate (1802)

Opus 49: Due sonate (composte nel 1795-6, pubblicate nel 1805)

Opus 53: Sonata n. 21 in Do maggiore (“Waldstein”) (1803)

  • WoO 57: Andante favori — movimento centrale originale della sonata “Waldstein” (1804)

Opus 54: Sonata n. 22 in Fa maggiore (1804)

Opus 57: Sonata n. 23 in Fa minore (“Appassionata”) (1805)

Opus 78: Sonata n. 24 in Fa diesis maggiore (“A Thérèse”) (1809)

Opus 79: Sonata n. 25 in Sol maggiore (1809)

Opus 81a: Sonata n. 26 in Mi bemolle maggiore (“Les adieux/Das Lebewohl”) (1810)

Opus 90: Sonata n. 27 in Mi minore (1814)

 

Le ultime sonate

Le ultime sonate sono tra le sue opere più complesse e più difficili del repertorio odierno. Ancora una volta, la sua musica ha trovato un nuovo percorso. In questo periodo, il suo stile classico e il suo udito erano del tutto scomparsi, sostituiti dalle origini della musica romantica. La Hammerklavier è ritenuta la più difficile sonata di Beethoven. In realtà, la si è ritenuta ineseguibile fino a quasi 15 anni dopo la sua pubblicazione, quando Liszt la suonò in un concerto.

Opus 101: Sonata n. 28 in La maggiore (1816)

Opus 106: Sonata n. 29 in Si bemolle maggiore (“Hammerklavier”) (1819)

Opus 109: Sonata n. 30 in Mi maggiore (1820)

Opus 110: Sonata n. 31 in La bemolle maggiore (1821)

Opus 111: Sonata n. 32 in Do minore (1822)


Ingresso a offerta libera
* Prenotazioni

Per garantire la sicurezza del pubblico viene data precedenza agli spettatori prenotati

Sarà possibile prenotare e accedere al concerto per fasce orarie, sia sabato che domenica:
• dalle ore 15:00 alle 17:00,
• dalle ore 17:00 alle 19:00,
• dalle ore 19:00 alle 21:00
• dalle ore 21:00 alle 23:00

• e-mail: prenotazioni.frb@gmail.com

• telefono: 051 836441 tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 13

Le prenotazioni aprono il 5 dicembre

È possibile prenotare i posti fino alle ore 13 del 12 dicembre

 

Accesso

L’ingresso dei prenotati è possibile fino a 15 minuti prima del concerto.

Dopo tale orario la prenotazione non sarà ritenuta più valida e i posti potranno essere ceduti.

Senza prenotazione, si potrà entrare a partire da 15 minuti prima dell’orario di spettacolo, fino ad esaurimento posti.

Per accedere è necessario indossare la mascherina ed igienizzarsi le mani all’ingresso. Nei concerti al chiuso è obbligatorio l’uso della mascherina anche durante lo spettacolo.

 

Corti, Chiese e Cortili
è un  progetto ideato da Teresio Testa,
curato dalla Fondazione Rocca dei Bentivoglio.

Direzione artistica: Enrico Bernardi

Grazie al sostegno del Distretto Culturale Reno Lavino Samoggia e delle Amministrazioni Comunali di  Casalecchio di Reno, Monte San Pietro, Sasso Marconi, Valsamoggia e Zola Predosa.

Si ringraziano amministratori, funzionari e operai comunali, sponsor, Pro Loco, associazioni e centri sociali del territorio,  il pubblico che vorrà partecipare, vera ricompensa per tanto impegno e tutti i nuovi e vecchi amici della rassegna.

Con il sostegno del Distretto culturale di Casalecchio di Reno – Città Metropolitana di Bologna, Regione Emilia-Romagna.

In collaborazione con Turismo Colli Bolognesi e Colline tra Bologna e Modena

Si ringrazia Banca di Bologna


Contatti

tel. 051 836426

e-mail: cortichiesecortili@roccadeibentivoglio.it

vai agli altri eventi    vai alla news